Questo è parte del mio libro dei Sogni

Pubblicato: 12 marzo 2015 in Cultura, Hobby, Notizie e politica, Organizzazioni

Centro storico il borgo rurale

• Realizzare degli interventi di arredo urbano al fine di aumentare il verde nelle piazzette e vicoli, anche attraverso l’inserimento di piante fiorite ed alberelli o rampicanti ornamentali posti in adeguati vasi.
• Attivare un piano urbano per la messa in sicurezza progressiva del centro storico al fine di renderlo più fruibile e vivibile, soprattutto a fini culturali artistici e turistici.
• Prevedere degli interventi per un’ulteriore valorizzazione di alcune zone del centro antico (es. sotto Borgo Castello) anche mediante piccoli interventi di bonifica, messa in sicurezza e la definizione di aree tutelata.
• Promuovere il recupero e la valorizzazione delle mura storiche del corso Matteotti (es. area Torre di Nanno, Piazza la Repubblica), anche attraverso forme di incentivi da privati.
• Realizzare dei percorsi turistici nel centro storico segnalati in maniera adeguata, con targhe e tabelle o codici QR riportanti a guide e mappe, al fine di realizzare un centro-museo a cielo aperto.
• Attivare degli interventi per rendere più fruibili la piazza del centro storico soprattutto da parte dei turisti (es. panchine, fontanelle, ombreggianti, servizi igienici, cestini).
• Realizzare delle aree di sosta specifiche per le scolaresche ed i turisti in visita al centro storico (es.creare del verde in Piazzale San Rocco, il belvedere sottostante corso Matteotti e sopra via De Sanctis).
• Attivare un concorso di idee per una nuova proposta architettonica di Palazzo Tozzoli tra via Galgano e Corso Matteotti.
• Prevedere una messa in opera di una pavimentazione a selciato o porfido più adeguata al clima e in sostituzione del’attuale calcestruzzo a multi strato presente in molte vie del centro storico.
• Prevedere la realizzazione di piani di manutenzione ordinaria e particolareggiati per tutta l’area del borgo e centro storico, al fine di mantenere le caratteristiche storiche (es. attenzione ai colori) e valorizzarne le peculiarità.
• Realizzare degli interventi per il miglioramento dell’illuminazione lungo alcune zone del centro storico (es. via Tozzoli, via Del Re, via Nicolais etc etc) dove prevedere anche dei servizi di video-sorveglianza.
• Realizzare punti d’accoglienza dei turisti.
• Prevedere degli interventi per la graduale eliminazione dei parcheggi dalla piazzetta Annunziata al fine di una maggiore tutela e valorizzazione anche in chiave turistica.
• Promuovere un’offerta turistica alberghiera che sappia offrire alloggi con riferimento alle diverse possibilità economiche.
• Prevedere degli interventi per limitare l’espansione edilizia al fine di evitare l’ulteriore consumo di territorio, agevolando l’occupazione del centro storico.
• Promuovere delle iniziative, in collaborazione con i Comuni dell’Alta Irpinia, finalizzate alla valorizzazione di alcuni elementi territoriali legati alla storia e tradizione culinaria, anche attraverso la fruibilità delle grotte vetrina.
• Prevedere la realizzazione di un Parco della Cupa, partendo lungo le Ripe cittadine scendendo per il sentiero fino al fiume Cortino, anche attraverso la collaborazione con Associazioni e l’Istituti scolastici.
• Realizzare un area verde (es. piazzetta S.Michele) sulla sponda Sud-Ovest ai piedi di Borgo Castello, nei pressi dell’ingresso di servizio, al fine di creare un’area pubblica con finalità aggregative e di svago.
• Promuovere l’apertura al pubblico, in alcune occasioni specifiche, dei palazzi storici privati al fine di favorire la conoscenza di tutto il patrimonio cittadino
• Promuovere la realizzazione di apertura e conversione delle case disabitate in Laboratori Didattici, artigianato e delle Belle Arti. Laboratori aperti ad ogni età, in alcune situazioni riconsoliderebbe la coesione sociale, riqualificando la cultura del fare, al fine di favorire la conoscenza di tutto il patrimonio cittadino. Applicando lavori di gruppo nel campo musicale, teatrale, scenografico, fotografico, cinematografico e sartoriale; e approntando i concetti basilari delle 5R, riduzione riciclo raccolta recupero riuso; Oltre alle arti intese come pittura e scultura si riaverebbe anche la rigenerazione della cultura artigianale come ceramica e falegnameria o lavorazione dei metalli.
• Promuovere degli interventi o eventi per una migliore fruizione del centro storico, non solo durante la stagione estiva.
• Prevedere degli interventi di manutenzione per un miglioramento dell’area della piazza della repubblica, anche attraverso il coinvolgimento progettuale dei ragazzi degli Istituti Scolastici o dei giovani del comune di Calitri.

Libro dei Sogni chiamato Calitri

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...