‘la via maestra’

Pubblicato: 11 ottobre 2013 in Cultura, Notizie e politica, Organizzazioni, Salute e Benessere, Viaggi
Ecco il testo dell’appello che ha convocato l’assemblea dell’8 settembre da cui scaturisce il percorso di mobilitazione per la difesa e l’applicazione della Costituzione.
277_100_banner_costituzioneviamaestra1. Di fronte alle miserie, alle ambizioni personali e alle rivalità di gruppi spacciate per affari di Stato, invitiamo i cittadini a non farsi distrarre. Li invitiamo a interrogarsi sui grandi problemi della nostra società e a riscoprire la politica e la sua bussola: la Costituzione. La dignità delle persone, la giustizia sociale e la solidarietà verso i deboli e gli emarginati, la legalità e l’abolizione dei privilegi, l’equità nella distribuzione dei pesi e dei sacrifici imposti dalla crisi economica, la speranza di libertà, lavoro e cultura per le giovani generazioni, la giustizia e la democrazia in Europa, la pace: questo sta nella Costituzione. La difesa della Costituzione non è uno stanco richiamo a un testo scritto tanti anni fa. Non è un assurdo atteggiamento conservatore, superato dai tempi. Non abbiamo forse, oggi più che mai, nella vita d’ogni giorno di tante persone, bisogno di dignità, legalità, giustizia, libertà? Non abbiamo bisogno di politica orientata alla Costituzione? Non abbiamo bisogno d’una profonda rigenerazione bonificante nel nome dei principi e della partecipazione democratica che essa sancisce?

533_400_banner_costituzioneviamaestraInvece, si è fatta strada, non per caso e non innocentemente, l’idea che questa Costituzione sia superata; che essa impedisca l’ammodernamento del nostro Paese; che i diritti individuali e collettivi siano un freno allo sviluppo economico; che la solidarietà sia parola vuota; che i drammi e la disperazione di individui e famiglie siano un prezzo inevitabile da pagare; che la partecipazione politica e il Parlamento siano ostacoli; che il governo debba essere solo efficienza della politica economica al servizio degli investitori; che la vera costituzione sia, dunque, un’altra: sia il Diktat dei mercati al quale tutto il resto deve subordinarsi. In una parola: s’è fatta strada l’idea che la democrazia abbia fatto il suo tempo e che si sia ormai in un tempo post-democratico: il tempo della sostituzione del governo della “tecnica” economico-finanziaria al governo della “politica” democratica. Così, si spiegano le “ineludibili riforme” – come sono state definite –, ineludibili per passare da una costituzione all’altra.

La difesa della Costituzione è dunque innanzitutto la promozione di un’idea di società, divergente da quella di coloro che hanno operato finora tacitamente per svuotarla e, ora, operano per manometterla formalmente. È un impegno, al tempo stesso, culturale e politico che richiede sia messa in chiaro la natura della posta in gioco e che si riuniscano quante più forze è possibile raggiungere e mobilitare. Non è la difesa d’un passato che non può ritornare, ma un programma per un futuro da costruire in Italia e in Europa.

2. Eppure, per quanto si sia fatto per espungerla dal discorso politico ufficiale, nel quale la si evocava solo per la volontà di cambiarla, la Costituzione in questi anni è stata ben viva. Oggi, ci accorgiamo dell’attualità di quell’articolo 1 della Costituzione che pone il lavoro alla base, a fondamento della democrazia: un articolo a lungo svalutato o sbeffeggiato come espressione di vuota ideologia. Oggi, riscopriamo il valore dell’uguaglianza, come esigenza di giustizia e forza di coesione sociale, secondo la proclamazione dell’art. 3 della Costituzione: un articolo a lungo considerato un’anticaglia e sostituito dall’elogio della disuguaglianza e dell’illimitata competizione nella scala sociale. Oggi, la dignità della persona e l’inviolabilità dei suoi diritti fondamentali, proclamate dall’art. 2 della Costituzione, rappresentano la difesa contro la mercificazione della vita degli esseri umani, secondo le “naturali” leggi del mercato. Oggi, il dovere tributario e l’equità fiscale, secondo il criterio della progressività alla partecipazione alle spese pubbliche, proclamato dall’art. 53 della Costituzione, si dimostra essere un caposaldo essenziale d’ogni possibile legame di cittadinanza, dopo tanti anni di tolleranza, se non addirittura di giustificazione ed elogio, dell’evasione fiscale. Ecco, con qualche esempio, che cosa è l’idea di società giusta che la Costituzione ci indica.

Negli ultimi anni, la difesa di diritti essenziali, come quelli alla gestione dei beni comuni, alla garanzia dei diritti sindacali, alla protezione della maternità, all’autodeterminazione delle persone nei momenti critici dell’esistenza, è avvenuta in nome della Costituzione, più nelle aule dei tribunali che in quelle parlamentari; più nelle mobilitazioni popolari che nelle iniziative legislative e di governo. Anzi, possiamo costatare che la Costituzione, quanto più la si è ignorata in alto, tanto più è divenuta punto di riferimento di tante persone, movimenti, associazioni nella società civile. Tra i più giovani, i discorsi di politica suonano sempre più freddi; i discorsi di Costituzione, sempre più caldi, come bene sanno coloro che frequentano le aule scolastiche. Nel nome della Costituzione, ci si accorge che è possibile parlare e intendersi politicamente in un senso più ampio, più elevato e lungimirante di quanto non si faccia abitualmente nel linguaggio della politica d’ogni giorno.

In breve: mentre lo spazio pubblico ufficiale si perdeva in un gioco di potere sempre più insensato e si svuotava di senso costituzionale, ad esso è venuto affiancandosi uno spazio pubblico informale più largo, occupato da forze spontanee. Strade e piazze hanno offerto straordinarie opportunità d’incontro e di riconoscimento reciproco. Devono continuare ad esserlo, perché lì la novità politica ha assunto forza e capacità di comunicazione; lì si sono superati, per qualche momento, l’isolamento e la solitudine; lì si è immaginata una società diversa. Lì, la parola della Costituzione è risuonata del tutto naturalmente.

3. C’è dunque una grande forza politica e civile, latente nella nostra società. La sua caratteristica è stata, finora la sua dispersione in tanti rivoli e momenti che non ha consentito di farsi valere come avrebbe potuto, sulle politiche ufficiali. Si pone oggi con urgenza, tanto maggiore quanto più procede il tentativo di cambiare la Costituzione in senso meramente efficientistico-aziendalistico (il presidenzialismo è la punta dell’iceberg!), l’esigenza di raccogliere, coordinare e potenziare il bisogno e la volontà di Costituzione che sono diffusi, consapevolmente e, spesso, inconsapevolmente, nel nostro Paese, alle prese con la crisi politica ed economica e con la devastazione sociale che ne consegue.

Anche noi abbiamo le nostre “ineludibili riforme”. Ma, sono quelle che servono per attuare la Costituzione, non per cambiarla.

Lorenza Carlassare

Don Luigi Ciotti

Maurizio Landini

Stefano Rodotà

Gustavo Zagrebelsky

Print


 

1173615_636572846374827_589802052_nLegambiente aderisce al 12 ottobre

Aderiamo e parteciperemo alla manifestazione del 12 ottobre. E’ una bella occasione per far sentire la voce dei cittadine e cittadini italiani che vogliono difendere i valori di solidarietà, giustizia sociale, lavoro, legalità, cultura contenuti nella nostra Carta, nel cui solco possiamo affrontare la tremenda crisi che è insieme economica, occupazionale, ambientale e sociale. Per noi sarà anche un’occasione per  rivendicare l’applicazione di alcuni diritti tanto bistrattati: la difesa dei beni comuni, della salute, dell’ambiente in cui viviamo. La vittoria del referendum contro il nucleare portava con sé una richiesta diffusa e urgente di riconversione del nostro sistema produttivo,  meno inquinante e a basso consumo di energia e di materia.  Un modello economico che rispetti e valorizzi le risorse dei territori e le comunità, sappia guardare al futuro, crei lavora dignitoso e duraturo, affermi  nel concreto la nostra Costituzione.

pace_webApplicare la Costituzione: l’Italia ripudia la guerra

“L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali.”Ha senso porsi una questione di attualità di questo dettato costituzionale? I padri costituenti in un primo tempo avevano usato il termine “rinuncia” , rinuncia all’uso della violenza delle armi come strumento di conquista e di offesa di altri popoli. La scelta, che poi invece venne fatta, del termine “ripudia” dà al contenuto esposto in questo articolo il carattere di imperativo categorico, morale, prima ancora che giuridico.

READ MORE

lavoro_webLavoro e Costituzione: fondata sul lavoro, per tutti

Nel 1970, per Vittorio Foa, lo Statuto dei lavoratori segnava l’ingresso della Costituzione nelle fabbriche. 43 anni dopo, non solo pezzi sempre più grossi della Costituzione sono ricacciati fuori dal sistema produttivo, come la vicenda Fiat e la manomissione dell’articolo 18 insegnano, ma soprattutto una parte sempre più rilevante del mondo del lavoro sta fuori delle fabbriche, nel lavoro indipendente o in quello subordinato travestito da autonomo, in quella terra di nessuno chiamata precarietà in cui non vale alcuna regola, tanto meno quella costituzionale.

READ MORE

benicomuni_webBeni comuni e Costituzione

L’art. 43 della Costituzione così recita : “A fini di utilità generale la legge può riservare originariamente o trasferire, mediante espropriazione e salvo indennizzo, allo Stato, ad enti pubblici o a comunità di lavoratori o di utenti determinate imprese o categorie di imprese, che si riferiscano a servizi pubblici essenziali o a fonti di energia o a situazioni di monopolio ed abbiano carattere di preminente interesse generale.”Da anni il territorio italiano è attraversato da conflitti legati ai beni comuni: da una diversa politica dei rifiuti ad una politica energetica alternativa, dalle battaglie contro le grandi opere e per la difesa dei territori alle esperienze di occupazioni abitative e/ a scopo sociale, dalla riappropriazione di spazi per la cultura alla straordinaria esperienza del movimento per l’acqua con la vittoria referendaria.
READ MORE

migranti_webMigranti e Costituzione: dignità e libertà

Capita a noi immigrate ed immigrati di sentir dire che la costituzione italiana appartiene alle e agli italiani. Invece non è proprio così. E non solo per quel afflato verso l’universalismo dei diritti in essa contenuto – ricordiamoci che molti dei principi di questa costituzione furono d’ispirazione per quella che poi divenne la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo. Ma sopratutto perché la mobilità di milioni di persone nel mondo ha cambiato anche l’Italia. Oggi sul territorio italiano vivono anche cittadine e cittadini che provengono da altre zone geografiche del mondo e che in quanto esseri umani dovrebbero godere di quei diritti a cui si accenna nella Costituzione.
READ MORE

economia_webEconomia, Costituzione e giustizia sociale

Il 20 aprile 2012 abbiamo introdotto il pareggio di bilancio nella Costituzione italiana. Il motivo è riassunto sul sito della Camera: “con l’acuirsi delle tensioni sui debiti sovrani dell’area dell’Euro, è emersa a livello comunitario l’esigenza di prevedere negli ordinamenti nazionali ulteriori e più stringenti regole per il consolidamento fiscale”. E’ la situazione finanziaria internazionale a imporcelo. Abbiamo cambiato la nostra Costituzione per compiacere i mercati finanziari. Un voto quasi unanime del Parlamento, in modo da evitare il referendum confermativo.
READ MORE

saperi_fronte_cmykSaperi e Costituzione: verso il 12 ottobre

Art. 33 – L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento. La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi. Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.

Art.34 – La scuola è aperta a tutti. L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi.
Gli art 33 e 34 della Costituzione ci parlano di un’istruzione pubblica, libera e inclusiva, impegnano lo Stato a garantire il diritto allo studio a tutte e tutti. Le politiche del rigore dell’ultimo ventennio sono andate e continuano ad andare però nella direzione completamente opposta a questa indicata dalla Carta costituzionale: hanno privatizzato de facto le scuole e le università, rendendoli luoghi inaccessibili ed escludenti, drammaticamente dequalificati, hanno trasformato la conoscenza in una merce scarsa, recintata da brevetti e utile solo se capace di soddisfare i capricci dei mercati.
READ MORE

carceri_costituzione_fronte-smSistema carcerario e Costituzione

“È punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà”. Così recita l’articolo 13 della nostra Costituzione. È l’unica volta in tutto il nostro testo costituzionale che si cita la parola punizione, eppure in Italia la tortura non è un reato. Le forze politiche italiane, nel tempo, hanno inadempiuto a un obbligo costituzionale e internazionale. Impegnarsi, lottare per l’applicazione della Costituzione significa impegnarsi e lottare perché la tortura, crimine contro l’umanità, sia bandita dal nostro ordinamento giuridico.Nei giorni scorsi in Senato è ripartita la discussione intorno alla legge che deve introdurre il delitto nel codice del 1930. È stato presentato un testo unificato che prevede la punizione solo per chi tortura almeno due volte. Una farsa se non fosse una tragedia. I nostri padri costituenti il carcere, quello fascista l’hanno vissuto.
READ MORE

poverta_webPovertà, diseguaglianze e Costituzione

Art. 2 – La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.Art. 3 – Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e la uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Il rapporto Istat del 2012 ci informa come siano 9 milioni e 563mila le persone in condizioni di povertà relativa in Italia. Ciascuno di loro può contare solo su 506 euro mensili. Paliamo del 15,8% della popolazione, rispetto al 13,8% dell’anno precedente. In condizione di povertà assoluta si trovano invece 4 milioni 814mila persone, pari al 7,9% degli italiani/e, rispetto al 5,2% del 2011. Significa che un italiano/a su quattro vive in condizioni di povertà e disagio sociale.

READ MORE

ambiente_webAmbiente, energia, Costituzione

Oggi, per interpretare e applicare i principi e i valori costituzionali, abbiamo bisogno di riconvertire i nostri  sistemi produttivi e della mobilità, che sono energivori e basati per lo più sull’uso delle fonti fossili, responsabili dell’inquinamento e dell’aumento abnorme dei gas climalteranti.Il nostro sistema energetico, in particolare, settore strategico per la sua rilevanza economica e sociale, ha un forte impatto ambientale. Il nesso tra energia, ambiente, salute e cambiamenti climatici è inscindibile.

READ MORE

 990_115_banner_costituzioneviamaestra

info: http://costituzioneviamaestra.it/la-manifestazione/l-appello.html
https://www.facebook.com/pages/Costituzione-la-via-maestra/239705276183753?directed_target_id=0
http://costituzioneviamaestra.it/la-manifestazione/adesioni-motivate/206-legambiente-aderisce-al-12-ottobre.html
          http://costituzioneviamaestra.it/applicare-la-costituzione.html

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...