Fluoro, Bugie e Acqua Potabile

Pubblicato: 30 ottobre 2011 in Notizie e politica, Salute e Benessere

A CHE COSA SERVONO GLI ADDITIVI CHIMICI NELL’ACQUA POTABILE? QUALCUNO PENSA CHE CI VENGANO SOMMINISTRATE SOSTANZE IN GRADO DI MODIFICARE IL NOSTRO COMPORTAMENTO..


Anticorpi
Sareste preoccupati se qualcuno vi dicesse che a vostra insaputa vi è stata somministrata una sostanza tossica, velenosa quanto il piombo, in grado di causare tumori e fragilità ossea e che tra l’altro è il componente principale di alcuni farmaci psicotropi?

É ciò che alcuni esperti sanitari presumono stia accadendo a milioni di persone in tutto il mondo; la preoccupazione sarebbe dunque gìustifìcata. La sostanza incriminata è il fluoro contenuto nell’acqua che esce dai rubinetti delle nostre case.

La maggior parte di noi conosce il fluoro solo perché pare che aiuti a prevenire la ca­rie dentaria. Negli anni Settanta il fluoro venne aggiunto alla quasi totalità dei dentifrici venduti sul mercato supponendo di risparmiare ai bambini sgradevoli frequentazioni con il dentista. Ma adesso di questa vicenda sembra emergere un aspetto ben più inquietante.

Verità Deteriorata
Se è noto che in alcuni casi il fluoro può rendere più forti i denti è altresì stato provato come questo elemento sia altamente tossico e sia stato messo più volte in relazione con numerosi disturbi fisici e psichici. Se viene addizionato all’acqua potabile, poi, non si è più in grado di valutare esattamente la quantità assunta dallo organismo.

Dalla fine della II guerra mondiale non è più stata fatta una vera ricerca scientifica sugli effetti potenzialmente mortali del fluoro.

Molti scienziati, tra cui Hans Moolenburgh, uno dei più attivi rappresentanti del movimento antifluoro, sono seriamente preoccupati da ciò che arrivano a definire come un inquietante schema di somministrazione di massa praticato in molti Paesi occidentali, messo a punto per la prima volta nella Germania nazista.

Durante la seconda guerra mondiale migliaia di innocenti, uomini, donne e bambini, vennero rinchiusi e uccisi nei campi di concentramento. I decessi dovuti alle malattie, alla scarsità di cibo, ai carichi di lavoro massacranti e alla tremenda brutalità dei sorveglianti erano all’ordine del giorno. A tutto questo si aggiungeva la somministrazione regolare di farmaci e sostanze chimiche. Gli scienziati del Reich, determinati a mantenere il clima di terrore e cieca obbedienza, avevano trovato un ottimo metodo per controllare il comportamento dei prigionieri.

I due terzi di tutta l’acqua potabile  è addizionata con Fluoro.

In Italia non ci sono al momento statistiche ufficiali della sua diffusione nelle reti pubbliche e private.
La molla che fece scattare definitivamente il meccanismo del dubbio, in merito all’utilizzo del fluoro, fu la vicenda della società americana Alcoa.
La Alcoa produceva alluminio puro attraverso fluoruro di alluminio, sostanza di scarto, priva di qualsiasi valore, ma anche tossica e in grado di provocare danni anche a livello ambientale. Così si era provveduto a trasformare residui in fonti di guadagno. Quasi contemporaneamente si scopriva che il fluoro era molto efficace per combattere la carie; ormai la giustificazione dell’utilizzo del fluoro era cosa fatta.

Controllo Totale
Si scoprì che piccolissime dosi ripetute di fluoro intossicavano narcotizzavano lentamente la vittima, rendendola psicologicamente sottomessa. Entusiasti all’idea di utilizzare le potenzialità di questo elemento chimico, i comandanti dei campi di concentramento cominciarono a immettere fluoro nell’acqua potabile. I servizi segreti alleati furono molto colpiti dagli effetti dell’acqua fluorata, ipotizzando che avrebbe potuto essere il mezzo ideale per controllare le popolazioni dei Paesi occupati dalle truppe tedesche.
Dando per scontata la vittoria tedesca, la I.G. Farben, azienda chimica di Francoforte, cominciò a produrre grandi quantità di fluoro destinato ai campi di concentramento e ad altri possibili, futuri impieghi. Alla fine della II guerra mondiale, gli Stati Uniti inviarono Charles Eliot Perkins, ingegnere esperto di chimica, fisiologia e patologia, a studiare la tecnologia del controllo mentale messa a punto dalla I.G. Farben. Dal suo soggiorno in Germania, Perkins trasse alcune inquietanti conclusioni.
Nel suo rapporto scrisse che “quando i nazisti decisero di invadere la Polonia, gli stati maggiori di Unione Sovietica e Germania si scambiarono informazioni militari, conoscenze scientifiche, piani strategici e personale. Lo schema relativo al controllo della popolazione attraverso l’acqua potabile venne colto al volo dai russi perché si adattava perfettamente ai loro progetti di colonizzazione politica del mondo. Perkins, nelle sue indagini sui progetti sovietici di controllo mentale di massa, evitò di coinvolgere direttamente i servizi segreti alleati, ma un’indagine più accurata sulla I.G. Farben e sulle sue relazioni industriali evidenziò qualche collegamento sospetto a livello internazionale.La I.G. Farben si espanse notevolmente intorno agli anni Venti grazie all’interesse di Wall Street, che trovava questa azienda non meno interessante della Ford Motor Company di Henry Ford, della General Motors di J.P. Morgan o della Standard Oil dei Rockfeller. Tramite Wall Street, negli anni Trenta, vennero investiti nell’azienda migliaia di dollari e questa situazione continuò anche durante la II guerra mondiale.

Sarà stata una coincidenza, ma è un fatto che durante la guerra gli stabilimenti e gli impianti della I.G. Farben non furono mai né bombardati né sabotati e neppure danneggiati dagli alleati. Ian E. Stephens, ricercatore e scrittore, ha dichiarato che i comandanti dei bombardieri ricevevano istruzioni, probabilmente da alti funzionari del Governo, perché questi impianti venissero risparmiati. Per quale motivo?

Guadagni Finanziari
Sin dai tempi della Depressione americana del 1929, organizzazioni come la Rockfeller Foundation e persone in vista come quelle appartenenti alla famiglia Ford andavano pubblicamente incoraggiando una politica di lungo termine sul controllo demografico. È anche noto che diversi personaggi influenti del mondo commerciale americano avevano investito, prima e dopo il conflitto, tempo e danaro nei progetti che la I.G. Farben portava avanti. Era il caso della famiglia Mellon.
Il Mellon Institute, organizzazione indipendente fondata nel 1913 per promuovere il progresso delle scienze e dell’industria, “scopri” che il fluoro aveva lo straordinario potere di prevenire la carie dentaria. Per una bizzarra coincidenza, la famiglia Mellon aveva anche fondato ed era proprietaria della American Aluminium Company, cioè la Alcoa. Questa società utilizzava il fluoruro d’alluminio per produrre l’alluminio puro, un prodotto che assicurava grandi profitti ma che produceva come scarto di lavorazione il fluoruro di sodio, sostanza tossica senza valore che poneva anche problemi di ordine ecologico. La Alcoa propagandò presso l’opinione pubblica le potenzialità del fluoru­ro, trasformando un prodotto di scarto in una fonte di profitto economico.

Ricerche Selettive
La Alcoa e gli altri produttori di fluoruro di sodio cominciarono a mettere insieme prove tese a dimostrare che piccole dosi di fluoro non sono dannose per l’organismo umano. Le ricerche da loro sponsorizzate fecero intendere che il fluoro aiutava lo sviluppo di una dentatura sana e robusta.

Questa ricerca, iniziata negli anni Trenta, ignorava l’alta tossicità del fluoro per concentrarsi unicamente sui marginali effetti benefici che esso poteva avere per la salute umana.

Ricercatori che lavoravano per la American Dental Association (ADA) per conto della Alcoa continuarono a promuovere il fluoro nonostante l’abuso che di questo elemento avevano fatto tedeschi e sovietici. Nonostante dozzine di scienziati e gruppi di pressione contestassero vivacemente le dichiarazioni della lobby del fluoro, l’opinione pubblica abbracciò con grande rapidità le presunte qualità di questo nuovo, strabiliante farmaco.
Il ministero della Sanità americano incoraggiò la fiducia dell’opinione pubblica e a partire dal 1945, le nove città più grandi degli Stati Uniti cominciarono ad aggiungere il fluoro alle riserve idriche. Alcune indagini scientifiche dimostrarono un miglioramento della salute dentale nei bambini e si diede avvio a una campagna di “fluorizzazione” dell’acqua potabile su tutto il territorio nazionale. Molti altri Paesi del mondo fecero altrettanto.

Dubbi di Natura Medica
L’alta tossicità del fluoro e il suo impiego nei programmi di controllo mentale sono ben documentati e ora anche le sue prerogative positive vengono discusse o addirittura negate. Secondo Jane Jones, amministratore della Associazione Britannica per la Purezza delle Acque, “aggiungere fluoro all’acqua potabile è una pratica antidemocratica e costituisce un pericoloso precedente. Nessuno si può arrogare il diritto di costringere un individuo ad assumere un farmaco a sua insaputa e contro la sua volontà per prevenire la carie dentale: una “malattia” che non mette a rischio la vita, non è contagiosa ed è facilmente evitabile”.Comunemente si crede che il trattamento con il fluoro sia efficace per tutta la vita. Oggi però la ricerca sembra dimostrare che la protezione esercitata da questa sostanza scompare prima del ventesimo anno di età. Del resto, diversi autorevoli ricercatori affermano che non c’è neppure una prova inoppugnabile che il fluoro abbia sui denti un effetto benefico. Secondo un rapporto stilato nel 1996 dallo Istituto Nazionale Americano di Ricerche Dentali, il numero di carie dentali osservate nei bambini provenienti da zone dove l’acqua potabile è trattata con fluoro è praticamente uguale rispetto a quello riscontrato nei loro coetanei che abitano in zone dove si beve acqua non addizionata. Per dimostrare che il fluoro porta giovamento ai denti non è mai stata fatta una seria ricerca. E allora, a cosa serve in realtà l’acqua al fluoro?

 

Acque Tempestose
La pratica del trattamento dell’acqua con il fluoro ha avuto una storia movimentata. Per alcuni si tratta di una panacea, che contrasta gli effetti di abitudini dietetiche sbagliate e migliora la salute dentale dei nostri bambini; un segno del progresso, quindi.

Per altri, è un’intrusione pericolosa nella vita privata dei cittadini, un cinico sistema per modificare i nostri comportamenti lucrando su un pericoloso prodotto di scarto.
Altri ancora si sono spinti più in là, affermando che si tratterebbe di una somministrazione farmacologica di massa e di una forma occulta di controllo che affonda le sue radici nella Germania nazista, una delle dittature più orrende che la Storia ricordi.

Note sul Fluoro
Ø   Il fluoro è più tossico del piombo; la sua quantità nell’acqua potabile non dovrebbe mai superare le 0,5 parti per milione (ppm). La quantità di fluoro nell’acqua potabile è di 1,5 ppm.
Ø   Uno studio pubblicato dall’Università Internazionale della Florida dice: “0,45 ppm di fluoruro di sodio sono sufficienti a intorpidire le reazioni mentali e sensoriali”.
Ø   In Sicilia è stata scoperta una correlazione tra aree con alti livelli di fluoro nelle acque e spaventose alterazioni dentarie.
Ø   Nel Regno Unito, circa 5 milioni e mezzo di persone bevono acqua addizionata con il fluoro.
Ø L’americana Food and Drugs Administration (FDA) considera il fluoro una sostanza non ammessa e non possiede alcuna prova della sua efficacia e innocuità. La FDA non ritiene il fluoro un elemento indispensabile alla nutrizione umana.
Ø Secondo il ricercatore Ian Stephens, a metà degli anni Ottanta il premier inglese Margaret Thatcher fece triplicare la fluorizzazione dell’acqua nell’Irlanda del Nord. Stephens crede che il motivo non riguardasse la preoccupazione per la salute dentale dei bambini nordirlandesi

Riconoscimento Ufficiale
Nel novembre 1996 un ragazzino di 10 anni, Kevin Issaci, ottenne da una ditta produttrice di dentifrici un risarcimento di circa 27 milioni di lire. I suoi genitori erano ricorsi alle vie legali dopo che a Kevin era stata diagnosticata una strana malattia dei denti, la fluorosi. Questa patologia è causata da eccessiva esposizione al fluoro; in alcuni soggetti può alterare gravemente l’aspetto dei denti, provocando anche macchie antiestetiche.
Altre 200 famiglie stanno portando avanti analoghi procedimenti legali. L’Associazione Medica Britannica (BMA) si dichiara del tutto certa che il trattamento dell’acqua e dei dentifrici con il fluoro non è pericoloso. La BMA intende inoltre aumentare le pressioni sul Governo per convincere un maggior numero di società idriche ad aggiungere fluoro all’acqua, in contraddizione con il parere dei sanitari, che sono ancora divisi sui reali benefici di questa tecnica.

 

 

 

Articolo pubblicato sul sito Levi.Mi.it
Link diretto:
http://www.levi.mi.it/html/produzione/progettopo/mitieriti/sandon/acquper/fluoro.htm

Tratto da: Fluoro, Bugie e Acqua Potabile | Informare per Resistere http://informarexresistere.fr/2011/10/30/fluoro-bugie-e-acqua-potabile/#ixzz1cIEqwdM7
– Nel tempo dell’inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

Contenuto in fluoro delle acque minerali

Per contenuto di ione fluoro

 

Per ordine alfabetico

Nome commerciale

Ione F (mg/l)

  Nome commerciale

Ione F (mg/l)

VERA

assente

ACETOSELLA

0,22

S.BENEDETTO

tracce

ACQUA DELLA MADONNA

0,60

GAIA

tracce

ACQUA DI NEPI

1,90

ROCCHETTA

tracce

ACQUA SACRA

1,00

FIUGGI

tracce

ANTICA FONTE BOARIO

0,58

AQUA

0,08

APPIA

1,20

PARAVITA

0,10

AQUA

0,08

LETE

0,10

ARGENTINA

0,44

TINNEA

0,16

BOARIO TERME

0,45

SOVRANA FEJA

0,17

CAPANNELLE

0,86

TESORINO

0,19

CLAUDIA

2,10

FAITO

0,20

EGERIA

1,60

ACETOSELLA

0,22

FAITO

0,20

SANGEMINI

0,26

FAUSTA BOARIO

0,70

S.CARLO SPINONE

0,28

FERRARELLE

0,70

LEVISSIMA

0,30

FIUGGI

tracce

FLAMINIA NOCERA UMBRA

0,35

FLAMINIA NOCERA UMBRA

0,35

LEVICO TERME

0,40

FONTE CHIARA

0,42

FONTE DI PALME

0,40

FONTE DI PALME

0,40

PETRA PERTUSA

0,40

FONTE LIDIA

1,85

FONTE CHIARA

0,42

FUCOLI

1,90

ARGENTINA

0,44

GAIA

tracce

BOARIO TERME

0,45

IDREA

0,72

TRAFICANTE

0,50

IRNO

0,73

S.ANDREA

0,57

ITALIA

0,60

ANTICA FONTE BOARIO

0,58

LETE

0,10

S.ELENA CHIANCIANO

0,60

LEVICO TERME

0,40

ACQUA DELLA MADONNA

0,60

LEVISSIMA

0,30

ITALIA

0,60

MAXIMA

0,83

FERRARELLE

0,70

MONTECATINI TERME

1,40

TOKA

0,70

MONTICCHIO

0,80

FAUSTA BOARIO

0,70

PANNA

0,98

S.PELLEGRINO

0,70

PARAVITA

0,10

IDREA

0,72

PETRA PERTUSA

0,40

IRNO

0,73

REGINA

0,92

MONTICCHIO

0,80

ROCCHETTA

tracce

MAXIMA

0,83

S.ACQUA CHIANCIANO

2,00

CAPANNELLE

0,86

S.ANDREA

0,57

REGINA

0,92

S.BENEDETTO

tracce

PANNA

0,98

S.CARLO SPINONE

0,28

SANTAGATA

0,99

S.ELENA CHIANCIANO

0,60

ACQUA SACRA

1,00

S.LUCIA

1,65

APPIA

1,20

S.PAOLO

2,40

ULIVETO

1,40

S.PELLEGRINO

0,70

MONTECATINI TERME

1,40

SANGEMINI

0,26

EGERIA

1,60

SANTAGATA

0,99

S.LUCIA

1,65

SOVRANA FEJA

0,17

FONTE LIDIA

1,85

TESORINO

0,19

FUCOLI

1,90

TINNEA

0,16

ACQUA DI NEPI

1,90

TOKA

0,70

S.ACQUA CHIANCIANO

2,00

TRAFICANTE

0,50

CLAUDIA

2,10

ULIVETO

1,40

S.PAOLO

2,40

VERA

assente

Fluoruro nelle Acque Minerali

questo indirizzo  è stata quantificata (si spera affidabilmente) la percentuale di fluoro contenuta in alcune delle principali acque minerali italiane.

Così ci Uccidono

Tratto da: Fluoro, Bugie e Acqua Potabile | Informare per Resistere http://informarexresistere.fr/2011/10/30/fluoro-bugie-e-acqua-potabile/#ixzz1cIHjwaD3
– Nel tempo dell’inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...